Repressione: atto conscio con cui il soggetto esclude dal campo attuale della sua coscienza un contenuto psichico spiacevole. Per il suo carattere conscio va distinta dalla rimozione che è inconscia.