Animus: (latino animus-i, “spirito”): E’ la componente inconscia maschile della personalità della donna. Rappresenta il principio del logos ( razionalità). L’identificazione con l’Animus può portare all’evidenziazione di caratteri quali rigidità, intransigenza, spirito polemico. Il modo di pensare dell’Animus ha la caratteristica di voler avere sempre ragione e avere sempre l’ultima parola. L’Animus non è di natura affettiva ma semi-intellettuale, fatto di pregiudizi; se non coltivato è una caricatura del Logos maschile, così come l’Anima non coltivata è una caricatura dell’Eros femminile. Se l’Animus non è proiettato, costringe la donna a rappresentarlo col suo comportamento. In genere è proiettato sull’uomo; siccome quest’immagine è inconscia, essa viene inconsciamente proiettata sulla persona amata ed è una delle cause principali dell’attrazione passionale e del suo contrario. In un’ottica positiva è la componente maschile interiore (l’uomo dentro di sè) che fa da ponte fra l’Io della donna e le sue risorse creative nell’inconscio. L’Animus, infatti se coltivato, funzionando in modo positivo mette la donna in rapporto con le risorse positive dell’inconscio e con la creatività. L’animus formatosi sulle figure del padre, del fratello e successivamente svoltosi, lungo l’itinerario delle proiezioni, sugli esseri maschili che la donna nella vita ha via via incontrato, si manifesta nei sogni personificato nell’archetipo dell’eroe o del dio, in forma positiva o dello sfruttatore e seviziatore, in forma negativa.